Return to site

Barolo Sordo Perno 2012

Quando Stephen Hawking parla, un laser puntato sulla faccia legge i movimenti dei pochi muscoli di cui ha ancora controllo, mentre un computer mostra a ciclo le lettere dell’alfabeto, e in questo modo capisce ciò che lo scienziato sta cercando di dire. Ci vogliono molti minuti perché riesca a dire qualcosa, ma questa magia gli permette di rimanere in contatto con la realtà che lo circonda e a noi permette di apprezzare la sua immensa intelligenza. E' un processo lento anche quello del Barolo Sordo Perno 2012 che è stato affinato in legno fino alla primavera 2014, botti grandi in rovere di slavonia, imbottigliato e dopo 2 anni è messo in commercio.

Tanto tempo perché il naso si esprima in un bouquet ampio di frutta rossa matura , cacao, legno e un pizzico di spezia. Col tempo il tannino è ormai maturo sorretto dall'acidità e da una struttura che promettono grandi cose con l'invecchiamento. Chi ha pazienza verrà premiato.

Voto

4.6/5

Dove

Enoteca

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly