Return to site

Pietra del Gallo 2015 Walter Massa 

Avete mai avuto problemi di memoria? Alcuni di noi perdono sempre le chiavi o non si ricordano dove hanno messo gli occhiali. Per non parlare del dramma di quei parking multipiano, dove vaghiamo come anime in pena senza ricordare più dove abbiamo lasciato l’auto.

Daniel Schachter, psicologo ad Harvard spiega che ci sono due cause principali;

Può succedere quando non attiviamo la memoria per codificare un gesto banale e ripetitivo che stiamo facendo oppure, la seconda causa è più complessa e radicata nella psiche umana; quando facciamo un gesto automatico, come depositare gli occhiali, possiamo trovarci in uno stato d’animo molto diverso rispetto al momento in cui li cercheremo; per esempio quando posiamo gli occhiali abbiamo sete e ci stiamo dirigendo in cucina per aprire il frigo. In quel caso il gesto di depositare gli occhiali è stato associato alla sete. Per ritrovarli, dovremmo ricostruire lo stesso stato d’animo.

Walter Massa si ricordava sicuramente del vino che beveva il nonno quando lui era piccolo ed in braghette giocava a calcio tra i vigneti; un vino bello fresco, frizzantino da bere a pranzo, anche d'estate. Perciò ha voluto ridare importanza a questo vitigno un po' perduto nel tempo, la freisa; la sua bottiglia si chiama Pietra del gallo che è il nome del vigneto dove ha piantato l'uva freisa 20 anni fa e il risultato è un rosso fruttato, con dei fiorellini che spuntano qua e la', in bocca è acido e lievemente tannico. Una sera d'estate, in piazza sulle colline del tortonese, alla salute del nonno!

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly